Monuments/documents, 2009

 

Elisabeth Hölzl e Armin Linke svolgono in parallelo un lavoro che verte sul concetto di archivio. Da un paio d'anni raccolgono immagini relative ai monumenti di guerra, Linke in Europa dell'Est, Hölzl in Italia. Il lavoro viene presentato su fogli formato DIN A3 per immagini singole o in serie con la apparente noncuranza di un archivio avente altra funzione che non quella di venire esposto.

Le immagini fanno riferimento a monumenti nati in contesti e epoche differenti, voluti da diverse forme di potere ma tutti testimoniano, quale caratteristica distintiva, il superamento della loro funzione originaria. Sganciati dal significato di segno „ab aeternum“ della potenza di turno, vivono di forza propria il cui fascino sta ora nella virtù di smascherare la caducità dell' èmpio, ridicolo proposito di eternità che li aveva generati. Vittoriosi loro, nell'energia propulsiva della  ricerca estetica che gli è propria, sui poteri che avrebbero dovuto servire, sono oggi segni decisi non, di concetti chiari, piani e sicuri ma all'opposto, della fuggevole e polimorfica contraddittorietà dell'agire umano.

From&To, 2009

Kunstmeranmeranoarte

Installation view

Fotos Backstage Ivo Corrà